La terapia dei polipi del colon potrebbe essere rivoluzionata da un cocktail di farmaci.

Polipo del Colon

Polipo aggettante nel lume del Grosso Intestino

I polipi, per definizione patologica, sono delle neoformazioni, rilevate e sporgenti, che si formano a causa dell’anormale funzionamento delle vie apoptotiche della cellula. Questi possono svilupparsi sia sulla mucosa, che sulla sierosa, che nel connettivo. Per lo più di natura benigna, si possono formare nelle fosse nasali, nel condotto uditivo, nell’utero e nell’intestino.

Continua a leggere

Un ormone gastrico protegge il Fegato

L'ormone Grelina

Struttura dell'Ormone Grelina

La Grelina è un ormone secreto dalle cellule P/D1 del fondo gastrico, rientra nel complesso circuito di regolazione della fame, in parole povere si può dire che il senso di appetito è dato dalla secrezione di questo ormone. Questo ormone ha però anche altre importanti funzioni, infatti, determina la secrezione dell’ormone della crescita interagendo con le cellule dell’ipofisi anteriore ed avrebbe funzione protettiva su organi come cuore, pancreas e fegato.
Continua a leggere

Atassia e Genetica: trovato il gene alla base di alcune forme, di tipo congenito, della malattia.

Immagine RM con Cervelletto Evidenziato

Cosa hanno in comune i semplici movimenti di un bambino che gioca, con i più complessi movimenti di un neurochirurgo?
Un complesso sistema nervoso che ne determina precisione e fluidità.
Tutti i movimenti anche i più semplici, infatti, hanno bisogno di indicazioni su forza, fluidità ed altri parametri per risultare precisi. A sovrintendere a tutto ciò non è la corteccia motoria, l’area celebrale deputata al movimento volontario, ma una porzione a se stante del sistema nervoso, il cervelletto.
Continua a leggere

Le Salmonelle un nuovo proiettile magico per la cura dei tumori

La Salmonella è un batterio Gram-negativo appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, anaerobio facoltativo ed asporigeno. E’ presente normalmente nel canale digerente di numerosi animali, ma risulta essere patogeno per l’uomo essendo l’agente eziologico della febbre tifoide e dei paratifi.
Già da tempo, però, si conosceva la sua capacità di infiltrare tumori solidi e di favorirne l’aggressione da parte del sistema immunitario, ma non era mai stata utilizzata prima per la, più che probabile, possibilità che il paziente potesse giungere al decesso a causa dell’infezione che il trattamento poteva comportare.
La predilezione delle Salmonella nell’infettare cellule tumorali è dovuta alla cancerogenesi stessa, infatti, la crescita dei tumori solidi è così repentina da non permettere l’adeguato sviluppo di una rete di supporto vasale, venendo così a creare nella massa del tumore stesso aree ischemiche poco ossigenate ed addirittura necrotiche. Tali aree rappresentano “un’incubatrice” ideale per le Salmonella che essendo anaerobi facoltativi possono sopravvivere anche in ambiente povero in ossigeno.
Continua a leggere